Archivio news 04/07/2018

DIVERTIMENTO PER TUTTI ALL'ISLAMICUP

Il litorale romano nella serata di ieri ha accolto la prima fase dell'IslamiCup.

Presso “Pinetina Beach Village” ad Ostia, 4 contendenti africane (Marocco, Capo Verde, Libia e Nigeria), si sono sfidate a suon di gol nella prima fase della competizione.

Libia e Nigeria su tutte - Alti e bassi un po’ per tutte le 4 nazioni, che si sono misurate in uno sport tecnico ed estremamente faticoso, imparando i trucchi del mestiere solo durante la competizione stessa. Ai punti l’hanno spuntata la Nigeria e la Libia con due vittorie a testa, mentre per il Marocco (favorito dopo l’exploit del Mundialido) e Capo Verde è arrivata una vittoria ciascuno al termine delle 3 gare disputate. Da sottolineare nella combattutissima gara tra Capo Verde e Libia la straordinaria rete dei capoverdiani, realizzata con assist di tacco e tiro in rovesciata imparabile per il portiere libico. 

La storia - Proprio sul numero 1 degli uomini in maglia rossa c’è però la storia più bella della IslamiCup: tra i pali della propria squadra infatti si è schierato lo stesso allenatore che con le sue prestazioni ha permesso alla Libia di giungere prima. “Ho 52 anni e più o meno da 20 non scendevo in campo da giocatore, da stasera forse posso fare il pensiero di lasciare la panchina per ripresentarmi sempre con un’altra veste” ha ironizzato lo stesso portiere-allenatore.
 
Questa sera di scena in prima battuta le semifinali, con i libici che affronteranno Capo Verde, mentre la Nigeria contenderà il posto nella successiva finale al Marocco. La vincente parteciperà, sabato 7 e domenica 8, insieme a Italia, Francia e Portogallo, al Trofeo IBS , tour internazionale di beach soccer giunto ad Ostia per la sua terza tappa.